Piergiorgio Gawronski

il coraggio di cambiare

Posts Tagged ‘PD’

Aprire le primarie del PD

Posted by piergiorgiogawronski on June 7, 2009

Stiamo lanciando assieme a “Il coraggio di cambiare” una campagna per cambiare lo Statuto del PD ed aprire le primarie di Ottobre alle candidature avanzate dalla società civile. Venite a firmare on line, Martedì 9 Giugno lanciamo l’iniziativa con una conferenza stampa a Roma in via S. Andrea delle Fratte 16, ore 11.  E questo è il mio NUOVO SITO .

Advertisements

Posted in Uncategorized | Tagged: , , | 1 Comment »

La Direzione Nazionale del PD

Posted by piergiorgiogawronski on April 21, 2009

Franceschini ha presentato le liste dei candidati del PD alle prossime elezioni europee. Non ci sono  furfanti, nessuno scandalo; ma sono state immesse poche competenze. Si tratta di liste scialbe, che non danno nessun segnale che il PD ha capito la svolta che ci chiedono i nostri elettori. Mi sono dunque astenuto sulle liste del Nord e ho votato contro quelle del Centro e del Sud.

Franceschini ha anche detto che nel Parlamento Europeo il PD starà con i socialisti, ma non nei socialisti. Cosa vuol dire, non lo abbiamo capito.

Infine, Franceschini ha chiesto di schierare il PD a favore del referendum che vuole abrogare la Legge Elettorale vigente. Ha motivato così: “Il risultato che otterremmo con il referendum peggiorerà la situazione. Ma costringererà il Parlamento a fare una nuova legge elettorale. Inoltre noi abbiamo sempre detto che siamo contro la Legge attuale,  e gli elettori non capirebbero se ci tiriamo indietro sul referendum”. Io ho votato – assieme a Bassanini, Lanzillotta, e Gentiloni –  contro la proposta di Franceschini, perchè “in una situazione di crisi democratica il tanto peggio tanto meglio è un gioco pericoloso”, perché “è pacifico che il risultato che si ottiene con il referendum è peggiore di quello attuale”, perché “se il Parlamento dovrà rifare la Legge elettorale, sarà la stessa maggioranza che ha fatto il “porcellum” a farla (la destra), e  non mi pare che dal 2006 ad oggi sono migliorati”, perché se poi il Parlamento non fa una nuova legge il rischio è che il PDL si presenti da solo alle elezioni politiche e prenda  – con solo il 40% dei voti –  il 55% dei seggi, che uniti a quelli della Lega consentiranno alla destra di fare quello che vuole della Costituzione senza neppure consentire ai cittadini di votare”. Ho quindi proposto di schierare il partito per il “sì” alla abrogazione delle candidature multiple, e per il “no” agli altri quesiti. La D.N. ha deciso altrimenti.

Posted in Post | Tagged: , , | 3 Comments »

La Direzione Nazionale di Martedì 21 Aprile

Posted by piergiorgiogawronski on April 19, 2009

Perché nell’ultima D.N. del partito democratico Franceschini non ha messo in votazione  la proposta di un “ombdusman” incaricato di promuovere la democrazia nel partito? La proposta è stata presentata dal sottoscritto nero su bianco, ma dei regolamenti nel PD se ne infischiano sompletamente. Anche nel merito: continuano a fare convegno sull’Art.49 Cost., poi in casa loro i fatti smentiscono la proclamata intenzione di introdurre democrazia nei partiti.

Stavolta all’o.d.g. c’è la selezione dei candidati alle Europee “in modo trasparente” (dice il regolamento): eppure i membri della DN  – a 48 ore dalla riunione –  ancora non hanno ricevuto le proposte del Segretario. Dov’è la trasparenza? Valuteremo se almeno sarà rispettato il criterio della competenza. Certo, è strano prima scegliere i candidati e poi fare il programma…

Posted in Post | Tagged: , | Leave a Comment »

Il PD visto da Neri Marcorè

Posted by piergiorgiogawronski on April 18, 2009

http://www.youtube.com/watch?v=xojLFGzp850

Il progetto del PD è sbagliato perché vi sono idee troppo diverse assieme? Fino a che punto il PD dovrebbe allargarsi e chi dovrebbe escludere? Paola Binetti dovrebbe lasciare il PD? I cattolici e gli ex comunisti possono stare insieme? Ha senso ragionare ancora con queste categorie culturali?

Posted in Post | Tagged: , | 1 Comment »

Siamo tutti aquilani

Posted by piergiorgiogawronski on April 8, 2009

Oggi, siamo tutti aquilani. Perché alcuni nostri amici (io vado regolarmente il sabato sul Gran Sasso a fare parapendio con i piloti dell’Aquila) stanno soffrendo. Perché stiamo mettendo a loro disposizione le nostre case romane  – inutilmente, peraltro: gli aquilani stanno scegliendo di restare, salvo una minoranza sfollata verso seconde case, famiglie di origine, o alberghi della costa. Perché poteva succedere anche a noi: i nostri edifici, a quanto pare, in molte zone del paese non reggono a un terremoto che in Giappone sarebbe considerato un sisma minore. Perché anche a Roma le scosse al quarto piano si sentono forti.

Un paese senza regole, un paese intorpidito dall’ottimismo di maniera, dai modelli basati sulla furbizia, sull’apparire invece che sull’essere, senza regole condivise. Dall’altra parte, un paese tradito dall’ipocrisia, dall’egoismo, e dalla chiusura delle sue classi dirigenti. L’Aquila, l’Italia: fa lo stesso. Siamo destinati a un brusco risveglio.

 

Il dramma dell’Aquila serva come monito. Occorre cambiare il modo di fare la politica, di amministrare le città, di progettare, di utilizzare le competenze. Cambiare si può. Se sapremo unirci prima di tutto umanamente, in un progetto condiviso per il PD e per il paese. 

 

Posted in Post | Tagged: , , | 5 Comments »